Quotidiano | Categorie: Fatti

CRM Sellf: come funziona e vantaggi della piattaforma

Di VicenzaPiù informa Martedi 12 Settembre 2017 alle 15:19 | non commentabile

ArticleImage

CRM Sellf: Come funziona e vantaggi della piattaforma

L'esigenza di dotare la propria azienda di un buon software CRM (Customer Relashionship Management, ossia la gestione delle relazioni con i clienti) è oramai imprescindibile, ma non va mai distinta da rapidità e facilità d'uso.
Tanti software, ma sono tutti utili?
Sul mercato dell'Information Tecnology, i software CRM sono molteplici, ma sono tutti utili alla causa? Un sistema che richieda ad esempio un corposo data entry preventivo per quanto efficace nei risultati, richiede lunghe applicazioni preventive, e lungaggini burocratiche che andranno a rallentare nonostante tutto le diverse attività. Serve quindi qualcosa di nuovo ed innovativo nel panorama della gestione pratica dei dati. Un sistema infatti che risulti fine a sè stesso non solo è inutile ma è soprattutto dannoso.

Una via di scampo

In questa ottica si colloca una innovativa applicazione, esclusivamente italiana, ovvero il CRM Sellf. Il software di questa start up infatti, è un sistema che sfrutta le più moderne tecnologie di cloud che permettono lo stivaggio dei dati su server remoti, e che, grazie anche all'esplosione delle così dette web app, se ne permette la fruizione sia da devices mobili come IPhone o IPad o tramite browser, con evidente vantaggio di semplicità e velocità d'uso. Studiato prettamente per i sistemi operativi IOS, il Sellf è rapido, leggero e di uso graficamente intuitivo. Le attività che si possono registrare sono raggruppate per opportunità, ma sempre con un solo indirizzo e cioè migliorare i risultati della nostra azienda.

Breve cenni storici

L'output di questa nuova eccellenza italiana nasce nel 2013 ed è quindi molto giovane oltre che innovativa. Compreso nel sistema dell'incubatore di start up H-FARM, è stato selezionato per partecipare al concorso Evernote DevCup 2017, che è un ottimo biglietto da visita per sperare in future integrazioni con sistemi esterni. Si è sviluppata attraverso la prima edizione del programma di sviluppo ed accelerazione intensivo H-Camp e costituisce uno dei numerosi esempi di come si possa fare tanto con poche risorse economiche ma tanta creatività tipicamente Italica. Sono molteplici i riconoscimenti ottenuti, tra i quali Apple Most Innovative App per il 2015, Confcommercio Best App in Service Innovation per l'anno 2016 e Apple Best New Business App per il 2016 ed Eu Impact Accelerator Best Mobile Startup.

Il processo che ha portato ad ideare Sellf CRM

Unire un Mobile Business con un software CRM è una idea altamente stimolante che nasce da alcuni concetti di base. Innanzitutto la diffusione oramai inarrestabile di smartphone e tablet, il che rende, insieme al sistema cloud, il disporre di una applicazione praticamente indispensabile e poi anche la grande fetta di mercato dei professionisti e delle aziende che necessitano di usufruire di uno strumento facile leggero ed immediato, ma soprattutto utilizzabile in movimento, anche al di fuori dell'ufficio e che non necessiti di grandi server e di corpose attività di data entry.

Leggi tutti gli articoli su: CRM Sellf



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Giovedi 1 Febbraio alle 18:15 da zenocarino
In Dazi, Salvini come Trump. Fracasso: "Per il Veneto vorrebbe dire meno posti di lavoro"

Giovedi 1 Febbraio alle 18:00 da zenocarino
In Dazi, Salvini come Trump. Fracasso: "Per il Veneto vorrebbe dire meno posti di lavoro"

Domenica 24 Dicembre 2017 alle 09:26 da Kaiser
In Fondo immobiliare voluto da Variati bocciato anche da Ragioniere Capo del Comune di Vicenza, Liliana Zaltron per M5S: "non è un'occasione persa, altre le proposte da fare"

Giovedi 14 Dicembre 2017 alle 20:41 da Barbara77
In Gianni Zonin fa così tanta scena muta in commissione d'inchiesta sulle banche che Casini prova a fare il suo ventriloquo

Giovedi 14 Dicembre 2017 alle 14:25 da Lucia
In La lettera di una socia di Veneto Banca per accelerare il "ristoro" ai risparmiatori truffati dalle banche venete
Leggendo la lettera di Flavia mi è venuto tornato alla mente l'articolo 47 della Costituzione, nel passaggio dove recita:

"La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme...".

Purtroppo, come molte altre volte succede in questo Bel Paese mal gestito, avviene il contrario.
La vicenda delle banche venete è purtroppo nota e non stanno nemmeno più in piedi gli alibi che vogliono colpevolizzare i soci ("se la sono cercata loro perché sapevano che era rischioso ... volevano fare gli squali e adesso piangono miseria ...") perché è stato dimostrato che non è così; il prezzo delle azioni è stato taroccato ed è una truffa bella e buona che le banche hanno fatto ai loro sottoscrittori.
Raggirati da funzionari bancari senza coscienza pilotati a loro volta dai direttori senza scrupoli, che sapevano benissimo di vendere azioni fuffa ... ma l'importante è vendere e far carriera (no?).
E via col valzer delle scuse del tipo "siamo una banca solida ... non abbiamo problemi etc".
Mentre si tentava di coprire la voragine bancaria con un fazzolettino di carta, Consob e Banca d'Italia si giravano dall'altra parte per non vedere.
Il finale vede trionfare le banche che hanno fatto lo "sforzo" di avere solo la parte sana.
Come se non bastasse, i funzionari "lupi" delle due banche si sono travestiti da "agnelloni" di Intesa San Paolo, e probabilmente continueranno a perdere il pelo ma non il vizio.
Tutto apposto dunque. No?
Direi che alla luce di questo non faccio fatica a credere alla lettrice quando dice "credere nella Giustizia è diventato molto, molto difficile, quasi impossibile". E' e rimane impossibile, cara Flavia.
Molto probabilmente in un altro Paese più civile la cosa avrebbe preso una piega diversa, a favore dei risparmiatori (penso ad es. alle class action, che da noi sono solo di facciata).

Credo purtroppo, cara Flavia, che la lettera inviata ai politici cada nel nulla.
Per il semplice motivo che se qualcuno avesse voluto davvero fare qualcosa PRIMA, l'avrebbe fatto.
Ora è troppo tardi. Ed è persino patetico che i politici si proclamino adesso paladini dei risparmiatori, a babbo morto.

Mi spiace infonderle amarezza Flavia, ma mi dica forse se non ne ho motivo.

Con augurio di poter essere smentito.
Gli altri siti del nostro network