Caricamento...

A breve i nomi e i dubbi di VicenzaPiù sui debitori insolventi con BPVi, ora i dettagli del CorSera sui i primi 30 nomi rivelati dal Tg di La7: il Baronio di Don Paolo con 11 milioni tra "beneficiati" insieme a patron Zamparini

Pubblicato il 21 gennaio alle 1.47, aggiornato alle 12.00. In passato VicenzaPiù si è occupata più volte di molti debitori della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca fortemente esposti con le due ora ex Popolari ma non ha avuto risposte se non parziali e generiche dai due Istituti, per cui ci riproponiamo di tornare in dettaglio e a breve sulle varie operazioni a rischio e su una serie di dubbi che le circondano. In tempi più recenti, comunque, è scoppiata la richiesta... popolare di conoscere i nomi dei grandi debitori insolventi con le varie banche italiane, quelli per intenderci che hanno beneficiato dei soldi arrivati nelle loro tasche facendoli "sparire" da quelle dei soci risparmiatori per i conseguenti buchi nei bilanci e l'inevitabile azzeramento di valore delle loro azioni. Questi buchi, che si sono accentuati anche per altri investimenti sbagliati dei Gianni Zonin di turno, per spese pazze di gestione e per strutture sovradimensionate, sono nati di sicuro dalla malagestio dei cda e dei dirigenti che hanno prestato soldi non loro a clienti inaffidabili.

Continua a leggere

P.a:via gabbia da contratti - Incontri con sindacati e Regioni. Testo unico a metà febbraio

ArticleImage (ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il ministero della P.a. vuole imprimere un'accelerazione alla riforma targata Madia. Dopo la sentenza della Consulta che ha colpito tre decreti ('taglia partecipate', 'licenziamenti lampo per furbetti' e riordino della dirigenza sanitaria) si punta a venire a capo delle correzioni in settimana, mettendo le basi per l'intesa con le Regioni. Ma c'è un altro capitolo ancora più caldo: il nuovo Statuto del lavoro pubblico, che dovrebbe far saltare la gabbia che pone rigidi confini alla contrattazione. Il ministero vuole portare il decreto sul lavoro pubblico entro metà febbraio in Cdm, avviando da subito il confronto con i sindacati, come previsto dall'accordo del 30 novembre. Nei prossimi giorni i contatti si infittiranno per arrivare probabilmente a un incontro che sarà anche l'anticamera per il riavvio della contrattazione. In ballo c'è la revisione dell'attuale Testo Unico, come uscito dalla legge Brunetta. Si mira quindi al cuore di quello che ormai sta per diventare il vecchio Testo Unico

Continua a leggere

Fisco: Cgia, boom scadenze, fino ad 89 - In crescita numero adempimenti

ArticleImage (ANSA) - ROMA, 21 GEN - La burocrazia fiscale è destinata ad aumentare. Nel 2017, infatti, il numero degli adempimenti a carico delle micro e piccole imprese crescerà mediamente di 4 unità. Pertanto, una impresa artigiana (senza dipendenti) lungo i 12 mesi dell'anno dovrà pagare o inviare la propria documentazione 30 volte per onorare altrettante scadenze fiscali, un negozio commerciale (con 5 dipendenti) 78 e una piccola impresa industriale (con 50 dipendenti) ben 89 volte. A fare il conti è l'ufficio studi della Cgia, che ha realizzato una simulazione su 3 aziende campione. Dal 2017, infatti, arriva l'Iri (Imposta sui redditi) per le ditte individuali e le società di persone in contabilità ordinaria, il regime di cassa per tutte le imprese in contabilità semplificata e la fatturazione elettronica inizia a fare capolino anche nei rapporti tra imprese private, prevedendo tutta una serie di semplificazioni."Tuttavia- dice la Cgia- nelle more di queste novità la maggior parte delle imprese vedrà aumentare i propri adempimenti".

Continua a leggere

Abi: più trasparenza su garanzie Npl - Arriva consulente per assistere consumatore in difficoltà

ArticleImage (ANSA) - ROMA, 21 GEN - Ulteriore trasparenza del quadro dei costi, consulenze più qualificate, efficienza nelle modalità di stima e di eventuale vendita dell'immobile a garanzia dei crediti deteriorati. Questi i principali temi alla base del documento elaborato al Tavolo tecnico sulla valutazione degli immobili a garanzia dei crediti deteriorati tra Abi e i principali operatori, inviato alle Autorità di Vigilanza e ai Dicasteri competenti. Questo lavoro congiunto giunge a maturazione sulla scia di recenti normative, a livello nazionale ed internazionale, per fronteggiare la gestione dei crediti anomali. Tra gli aspetti di maggiore rilevanza, si segnalano: l'individuazione della figura del consulente che dovrà assistere il consumatore in difficoltà; i requisiti dei periti per la stima dell'immobile; le modalità di calcolo dei costi della procedura. L'obiettivo - sottolineano dall'Abi - è attuare la disciplina sugli adempimenti nei crediti immobiliari introdotta dalla Direttiva Ue sui mutui ipotecari.

Continua a leggere

Carrefour taglia 500 posti e tre negozi - Protesta lavoratori 27 e 28 gennaio

ArticleImage (ANSA) - ROMA, 21 GEN - Chiusura di tre punti vendita, a Borgomanero, Trofarello e Pontecagnano e 500 lavoratori in esubero. Sono i tagli annunciati in Italia dal gigante della grande distribuzione Carrefour, secondo quanto riporta una nota congiunta di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UILTuCS che annunciano una mobilitazione per il 27 e il 28 gennaio. "Sono state inoltre anticipate dall'azienda una serie di esigenze organizzative che implicherebbero un ulteriore e grave peggioramento delle condizioni di lavoro per i dipendenti della società". "Le argomentazioni dell'impresa hanno portato ad evidenziare rilevanti problematiche sugli andamenti aziendali, quali il fatturato, il costo del lavoro e la redditività dell'anno. Gli ipermercati risultano particolarmente penalizzati." Carrefour è anche il marchio che ha lanciato, da più di qualche mese, le aperture h24. I sindacati hanno proclamato lo stato di agitazione e l'astensione dal lavoro per i lavoratori di tutto il Gruppo, il 27 e 28 gennaio

Continua a leggere

Prometeia, pil 2016 +0,9%, 2017 +0,7% - Da incertezza politica e nodo banche peso 0,3% pil

ArticleImage (ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il prodotto interno lordo crescerà in Italia nell'anno appena conclusosi dello 0,9% rispetto allo 0,7% precedentemente previsto ma la crescita sarà più modesta quest'anno fermandosi allo 0,7% rispetto allo 0,8% previsto a settembre. E' quanto si legge nell'ultimo Brief sull'Italia di Prometeia. Ad incidere da un lato, rileva Prometeia, i dati del secondo semestre che indicano un rafforzamento della ripresa, mentre dall'altro l'incertezza politica nel paese ed il nodo delle crisi bancarie che potranno avere un peso negativo sul pil dello 0,3%. Nel 2018 la crescita dell'Italia è prevista allo 0,8%. Il debito salirà quest'anno al 133,4% ed il prossimo a 133,7%. Nessuna influenza invece, secondo il rapporto, dal downgrade del debito sovrano dell'agenzia di rating Dbrs. Sul fronte dei prezzi, Prometeia prevede un rialzo dell'inflazione all' 1,2% nel 2017 e dell'1,5% il prossimo anno.

Continua a leggere

Transazione e "Situation room" BPVi, Marcello Poli spiega come funziona ai 94.000 soci invitati ad aderire: "la trasparenza è indispensabile a ricostruire la fiducia"

Pubblicato il 20 gennaio alle 17.23. Aggiornato alle 22.00. Bisogna travestirsi da Divino Otelma per azzeccare i numeri delle transazioni andate finora in porto con i 94.000 soci della Banca Popolare di Vicenza chiamati all'appello e alla concreta anche se amara realtà dei 9 euro offerti a fronte, ecco il concreto, dei 10 centesimi di valore, per giunta non ancora liquidizzabile, della azioni BPVi frutto della gestione dell'era Gianni Zonin protrattasi fino a Francesco Iorio, contro i 60 o 62,50 euro spesi per sottoscriverle o acquistarle dal 2007 al 2016. Questo è, infatti, il periodo preso in considerazione da Gianni Mion e Fabrizio Viola (e da Lanza e Carrus per Veneto Banca) col consenso di fatto del fondo Atlante, il nuovo socio di controllo assoluto della banca vicentina e della cugina, ora promessa sposa, montebellunese, ai cui azionisti andrebbe, analogamente a quelli di Vicenza e se lo accetteranno, il 15% del prezzo di acquisto o sottoscrizione delle loro quote, che hanno avuto un range più ampio di variazione a partire da 20 euro fino alla quotazione massima sopra i 40 euro.

Continua a leggere

Esercito Usa sostituisce Beretta - Una commessa da 580 mln d. Verranno fabbricate in New Hampshire

ArticleImage (ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'Us Army, l'esercito degli Stati Uniti, ha scelto come nuova pistola la Sig Sauer P320, per sostituire le Beretta M9 (una versione militare della 92FS), che nel 1985 sostituì a sua volta la storica Colt 1911. Lo scrive Forbes online, precisando che la commessa ha un valore di 580 milioni di dollari per i prossimi 10 anni. Le Beretta 92FS sono anche state molto popolari nei film americani: da Bruce Wills in Die Hard a Mel Gibson in Arma Letale. L'azienda italiana ha un quartier generale Usa in Maryland e dagli anni '80 impianti in diversi Stati, tra cui il Tennessee. Le P320, che verranno fabbricate in New Hampshire, sono pistole polimeriche prodotte dal 2014 dalla ditta svizzero-tedesca. Sono modulari, possono essere munite di silenziatori e si può modificarne anche il calibro.

Continua a leggere

Petrolio chiude in rialzo a Ny, 52,4 dlr - Quotazioni salgono del 2,0%

ArticleImage (ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono del 2,0% a 52,42 dollari al barile.

Continua a leggere

Spread Btp chiude stabile a 159 punti - Rendimento al 2,0%

ArticleImage (ANSA) - ROMA, 20 GEN - Lo spread fra Btp e Bund chiude stabile a 159 punti base sugli stessi valori della chiusura di giovedì. Il rendimento del decennale italiano è pari al 2,0%.

Continua a leggere

Borsa: Milano piatta, male finanziari - In fondo al listino Yoox neat-a-porter e Ubi Banca. Svetta Bper

ArticleImage (ANSA) - MILANO, 20 GEN - La Borsa di Milano chiude piatta l'ultima seduta della settimana, nel giorno dell'insediamento del nuovo presidente degli Stati Uniti Donald Trump e dopo che la presidente della Fed, Janet Yellen, ha assicurato che il rialzo dei tassi avverrà in modo 'prudente'. Piazza Affari è stata appesantita dalle vendite sui titoli finanziari. In fondo al listino Yoox net-a-porter che ha ceduto il 4,2%. Male anche Ubi -2,2%, Unipol - 1,6% e Unicredit -1,5%. In lieve calo anche Mediaset che ha ceduto lo 0,2% e Banca Mediolanum -0,1%. Svetta in cima al listino Bper in rialzo dell'1,6%, Cnh Industrial +1,5% e FinecoBanck +0,9%. Luxottica chiude le contrattazioni sulla parità. Positivi anche i titoli energetici con Italgas che guadagna l'1,3%, Eni +0,3% e Saipem +0,1%. In controtendenza Snam in calo dello 0,7%.

Continua a leggere
<| |>

Speciale ViPiù
Gli altri siti del nostro network
Commenti degli utenti

ieri alle 18:58 da TamaniPia
In Transazione e "Situation room" BPVi, Marcello Poli spiega come funziona ai 94.000 soci invitati ad aderire: "la trasparenza è indispensabile a ricostruire la fiducia"

Giovedi 19 Gennaio alle 18:12 da Kaiser
In Musei civici di Vicenza, il bilancio del 2016

Giovedi 19 Gennaio alle 17:58 da Kaiser
In Banche venete, parte l’azione di tutela del M5S per i truffati: “mentre noi agiamo da Zaia solo chiacchiere”

Giovedi 19 Gennaio alle 15:58 da Kaiser
In Valutati positivamente dalla Commissione Europea gli aiuti di Stato presentati da BPVi e Veneto Banca

Giovedi 19 Gennaio alle 07:56 da Kaiser
In BPVi, Gianni Mion e Fabrizio Viola riportano i prestigiosi quadri a Prato. Cambio di rotta rispetto a Gianni Zonin: “aveva forse qualche ambizione napoleonica”
Meteo regionale
Meteo Veneto