Quotidiano | Categorie: Fatti

WM EXPO 2017 alla terza edizione: le eccellenze del web marketing italiano a Padova

Di VicenzaPiù informa Martedi 12 Settembre 2017 alle 15:25 | non commentabile

ArticleImage

Ci siamo, il WM Expo sta arrivando! Venerdì 29 e sabato 30 settembre presso l’Hotel Four Points by Sheraton di Padova, torna per il terzo anno di fila il WM Expo 2017, uno degli eventi più attesi nel settore del digital marketing. Il WM EXPO si rivolge non solo agli addetti ai lavori, ma anche ad aziende, startup e strutture ricettive, a store manager e gestori di e-commerce, a studenti di marketing, giornalisti e blogger.

Il percorso formativo del WM EXPO 

Il percorso formativo è di alta qualità e spazia a 360 gradi sulle attività verticali del digital marketing (dalla SEO al PPC, dall’Affiliate marketing agli AB Test, da Google Analytics a Facebook ads, dal Machine Learning alla realtà virtuale).
Anche per la 3°edizione alcune tra le migliori eccellenze italiane del mondo del digital presenzieranno all’ evento di web marketing più atteso dell’anno.
Torneranno volti noti dell’ambiente, già presenti nelle edizioni precedenti: da Carlotta Silvestrini, digital rebranding strategist a Nicola Bonora, co-owner dell’agenzia digitale di Mentine, da Enrico Pavan, digital analyst & conversion rate optimizator fino a Salvatore Russo, direttore e digital marketing strategist.
Il WM Expo viene organizzato da due SEO con pluriennale esperienza nel settore (Matteo Paroni e Massimo Fattoretto) ed, essendo l’unico grande evento Digital del Triveneto, rappresenta il punto di riferimento del Digital Marketing per tutto il Nord-Est italiano.
Il percorso formativo di due giorni si snoderà tra ben tre ambienti, situati presso l’Hotel Four Points: la sala plenaria, la sala per approfondire specifici case studies e la sala dedicata alla tavola rotonda dove gli utenti potranno porre quesiti relativi al Digital Marketing ai relatori presenti nel palco del Web Marketing Expo.
Ecco gli argomenti principali del WM EXPO:
  • SEO
  • Inbound Marketing
  • Ecommerce
  • Marketing Automation
  • FacebookADS
  • Analytics
  • CRO
  • Affiliate Marketing
  • LeadGeneration
  • Content Marketing
  • Usabilità
  • RealtàAumentata
  • Branding

Scopri il programma completo: https://www.wmexpo.it/il-programma

Le novità della terza edizione

La grande novità di quest’anno è costituita da coloro che presenteranno l’evento, infatti la tripletta di moderatori si tinge di rosa: oltre a Giorgio Tave, founder & community manager presso Search On Media Group e Flavio Mazzanti, digital strategist di Studio Samo, a condurre il WM EXPO ci sarà anche Miriam Bertoli, formatrice e consulente di web marketing.
Per essere aggiornati sulle novità del web marketing e poter ascoltare alcuni tra i migliori relatori italiani, è possibile acquistare i biglietti per il WM Expo, il 29 e il 30 settembre 2017 a Padova, usufruendo ancora di un’offerta speciale che scadrà il 14 Settembre:
  • 399 € invece di 499 € per un pass;
  • 999 € invece di 1.299 € per tre pass;
  • 1699 € invece di 2.099 € per cinque pass.
Per maggiori informazioni relative al programma, ai relatori e agli argomenti trattati negli speech si consiglia di visitare il sito www.wmexpo.it

Leggi tutti gli articoli su: WM EXPO 2017



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Giovedi 1 Febbraio alle 18:15 da zenocarino
In Dazi, Salvini come Trump. Fracasso: "Per il Veneto vorrebbe dire meno posti di lavoro"

Giovedi 1 Febbraio alle 18:00 da zenocarino
In Dazi, Salvini come Trump. Fracasso: "Per il Veneto vorrebbe dire meno posti di lavoro"

Domenica 24 Dicembre 2017 alle 09:26 da Kaiser
In Fondo immobiliare voluto da Variati bocciato anche da Ragioniere Capo del Comune di Vicenza, Liliana Zaltron per M5S: "non è un'occasione persa, altre le proposte da fare"

Giovedi 14 Dicembre 2017 alle 20:41 da Barbara77
In Gianni Zonin fa così tanta scena muta in commissione d'inchiesta sulle banche che Casini prova a fare il suo ventriloquo

Giovedi 14 Dicembre 2017 alle 14:25 da Lucia
In La lettera di una socia di Veneto Banca per accelerare il "ristoro" ai risparmiatori truffati dalle banche venete
Leggendo la lettera di Flavia mi è venuto tornato alla mente l'articolo 47 della Costituzione, nel passaggio dove recita:

"La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme...".

Purtroppo, come molte altre volte succede in questo Bel Paese mal gestito, avviene il contrario.
La vicenda delle banche venete è purtroppo nota e non stanno nemmeno più in piedi gli alibi che vogliono colpevolizzare i soci ("se la sono cercata loro perché sapevano che era rischioso ... volevano fare gli squali e adesso piangono miseria ...") perché è stato dimostrato che non è così; il prezzo delle azioni è stato taroccato ed è una truffa bella e buona che le banche hanno fatto ai loro sottoscrittori.
Raggirati da funzionari bancari senza coscienza pilotati a loro volta dai direttori senza scrupoli, che sapevano benissimo di vendere azioni fuffa ... ma l'importante è vendere e far carriera (no?).
E via col valzer delle scuse del tipo "siamo una banca solida ... non abbiamo problemi etc".
Mentre si tentava di coprire la voragine bancaria con un fazzolettino di carta, Consob e Banca d'Italia si giravano dall'altra parte per non vedere.
Il finale vede trionfare le banche che hanno fatto lo "sforzo" di avere solo la parte sana.
Come se non bastasse, i funzionari "lupi" delle due banche si sono travestiti da "agnelloni" di Intesa San Paolo, e probabilmente continueranno a perdere il pelo ma non il vizio.
Tutto apposto dunque. No?
Direi che alla luce di questo non faccio fatica a credere alla lettrice quando dice "credere nella Giustizia è diventato molto, molto difficile, quasi impossibile". E' e rimane impossibile, cara Flavia.
Molto probabilmente in un altro Paese più civile la cosa avrebbe preso una piega diversa, a favore dei risparmiatori (penso ad es. alle class action, che da noi sono solo di facciata).

Credo purtroppo, cara Flavia, che la lettera inviata ai politici cada nel nulla.
Per il semplice motivo che se qualcuno avesse voluto davvero fare qualcosa PRIMA, l'avrebbe fatto.
Ora è troppo tardi. Ed è persino patetico che i politici si proclamino adesso paladini dei risparmiatori, a babbo morto.

Mi spiace infonderle amarezza Flavia, ma mi dica forse se non ne ho motivo.

Con augurio di poter essere smentito.
Gli altri siti del nostro network