Quotidiano | Categorie: Economia&Aziende

Ferretto Group, Riccardo Ferretto e Otello Dalla Rosa: 5 anni di crescita nel segno dell'innovazione e del passaggio generazionale

Di Edoardo Pepe Domenica 16 Luglio alle 22:28 | 0 commenti

Abbiamo pubblicato il 7 luglio 2017 alle 15.16 i dati e la nota della conferenza stampa dell'Ad di Ferretto Group, Riccardo Ferretto, figlio del fondatore, e del suo direttore generale Otello Dalla Rosa, possibile candidato sindaco di Vicenza con un notevole background aziendale, privato con Ferretto e pubblico in Aim Energy, e ora, alle 22.28 del 16 luglio, vi proponiamo il video integrale dell'evento, da vedere e ascoltare con attenzione pari alla curiosità perchè dice molto di più della nota e dei dati: racconta una storia imprenditoriale e propone una soluzione, non "la" soluzione, ma una visione del futuro per aziende che vogliano affrontare con possibilità di successo il passaggio generazionale.

Ecco la nota e i dati.

Un valore della produzione di oltre 73 milioni di euro, con un incremento del 31% rispetto al 2015: sono i numeri che portano Ferretto Group a segnare un più 60% rispetto ai volumi del 2012, l'anno in cui debuttò il nuovo assetto societario. Una crescita trainata in particolare dalla scommessa sull'automazione, che oggi rappresenta il 64% del valore della produzione. I dati sono quelli del bilancio consuntivo 2016 (qui la sintesi), ma la solidità della società si legge però anche dall'aumento del numero di dipendenti e dai numerosi, importanti progetti realizzati in Italia e nel mondo dall'azienda vicentina leader nel panorama della logistica integrata a livello nazionale ed europeo.

«Cinque anni fa con la creazione della Ferretto Group Spa abbiamo deciso di intraprendere una strada nuova: oggi possiamo davvero dire che è la strada giusta - sottolinea l'ad Riccardo Ferretto -. I risultati del 2016 non sono però un punto di arrivo perché abbiamo già accettato nuove sfide per crescere ancora. La scelta di puntare sull'automazione si è rivelata strategica ed è su questo fronte che continueremo a investire per consolidare ancor più la nostra presenza in Italia e conquistare nuovi mercati all'estero».
«Ci eravamo dati degli obiettivi e, uno dopo l'altro, li stiamo raggiungendo nei tempi previsti - aggiunge il direttore generale Otello Dalla Rosa -. Il 2016 ha fatto segnare un indubbio significativo passo avanti, come confermato dalla crescita del valore della produzione. In un contesto generale di crisi, Ferretto Group conferma tutta la sua solidità che deriva sicuramente dalla sua storia, ma anche da una continua capacità di innovare e di investire nel capitale umano e nella ricerca».
I dati di bilancio. Sono diversi gli indicatori del 2016 che testimoniano la solidità acquisita negli ultimi 5 anni dalla società, determinata da una presenza consolidata nel mercato italiano, che resta il principale mercato di riferimento, ma anche dalla continua conferma dell'espansione all'estero. Oltre alla crescita del valore di produzione di oltre il 60% in cinque anni e di 18 milioni rispetto al 2015 (+31%), il bilancio certifica un risultato operativo pari a oltre 2.860.0000 euro, quattro volte quello dell'anno precedente, con un valore della produzione di 73,2 milioni di euro. La solidità patrimoniale e finanziaria della società passa inoltre attraverso la conferma di ottimi indicatori quali il quoziente di struttura (1,60), la stabilità di un quoziente di indebitamento finanziario che rimane contenuto (0,67) e, per l'andamento economico, il miglioramento con il ROE pari a 10,53% (4,11% nel 2015) e il ROI a 20,85% (contro il 5,89% del 2015).

«La solidità non si misura solo nella produzione, ma anche nella situazione finanziaria e patrimoniale - aggiunge Dalla Rosa -. E anche sotto questo profilo Ferretto Group mostra una gestione attenta e virtuosa, che ha saputo coniugare i necessari investimenti per lo sviluppo e una efficiente politica di contenimento dei costi. Guardando alle performance delle diverse divisioni il 2016 conferma che a guidare la crescita di Ferretto Group è prima di tutto la scelta di puntare sull'innovazione: una scelta che ha segnato la storia dell'azienda e che negli ultimi anni è stata valorizzata da investimenti importanti nella ricerca e sviluppo con il lancio sul mercato di numerosi nuovi prodotti».
L'innovazione che guida la crescita Nel 2016 la divisione automazione incide infatti per circa il 64% sul valore della produzione e fa segnare un +46% rispetto al 2015. Nello stesso anno il reparto scaffalature rappresenta il restante 36% del valore di produzione (+10% rispetto al 2015).
Investimenti continui e incremento del personale Ferretto Group ha inoltre proseguito anche nel 2016 il suo importante impegno negli investimenti, sia sotto il profilo dei beni materiali che immateriali, con la prosecuzione e l'avvio di programmi di ricerca e sviluppo. Complessivamente gli investimenti nel 2016 sono stati pari a 1.3 milioni di euro. Anche nel generale contesto di crisi e di freno all'occupazione, Ferretto Group ha inoltre avuto la capacità di incrementare il personale con 25 assunzioni negli ultimi 3 anni (2014-2016) e ulteriori 15 previste nell'arco del 2017.
Efficienza e innovazione: le consegne del 2016 Dietro ai numeri del bilancio ci sono opere e commesse importanti realizzate in Italia e nel mondo. Nel 2016 sono state numerose le collaborazioni con multinazionali di diversi settori che operano in ottica "worldwide" e che hanno portato l'azienda vicentina a lavorare in diversi Paesi europei, nel Nord e Centro America, in Asia e Russia. «Un trend positivo - conclude Dalla Rosa - che sta continuando anche nel 2017 e che proietterà l'azienda a un valore della produzione superiore agli 80 milioni di euro, facendone, per dimensione e posizionamento, vista anche la nostra stabile presenza con società controllate in Bosnia, Cina ed India, un player globale».


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Venerdi 15 Settembre alle 00:11 da zenocarino
In Processo Mose: Altero Mattioli condannato a 4 anni, assolti Lia Sartori e Giorgio Orsoni. Forza Italia difende Mattioli, M5S boccia la sentenza "soft" e le grandi opere... d'affari

Giovedi 24 Agosto alle 20:18 da Gilu
In Intervista di La Verità ad Adriano Cauduro, il dirigente che ha contribuito a "impeachment" di Gianni Zonin e che è stato licenziato da dg di Banca Nuova. Da brividi le sue accuse a Iorio, Viola, sindacati, vecchia BPVi e...
Gli altri siti del nostro network