Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Politica, Economia&Aziende

Commissione parlamentare di inchiesta sulle banche, Il Fatto: il Pd perde tempo sui nomi quando manca poco alla fine della legislatura

Di Rassegna Stampa Domenica 10 Settembre alle 23:38 | 1 commenti

ArticleImage

Ricordate la commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche? Quella che avrebbe dovuto fare luce sulla gestione disastrosa del sistema creditizio italiano negli ultimi lustri? Quella che avrebbe dovuto spiegare cosa è andato storto, dal Monte dei Paschi di Siena fino a Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza? O che avrebbe potuto sciogliere i residui dubbi riguardo le pressioni di Maria Elena Boschi sull'ex ad di Unicredit Federico Ghizzoni per salvare Banca Etruria?

La stessa commissione, se fosse stata al lavoro, avrebbe potuto valutare le responsabilità di Bankitalia e del governatore Ignazio Visco, il cui mandato scade il primo novembre. Per chi lo ritiene tra i responsabili del disastro di questi anni, è il momento propizio per il cambio della guardia in via Nazionale: la petizione "No alla riconferma del Governatore di Bankitalia Ignazio Visco" lanciata pochi giorni fa su change.org ha raccolto oltre 3mila firme. Visco invece ha avuto rassicurazioni dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella: resterà al suo posto.

Insomma, ve la ricordate la commissione d'inchiesta sulle banche? Il Parlamento pare proprio di no. La commissione non si è insediata, anzi ancora non esiste. Dopo un lunghissimo percorso tra le Camere (iniziato ad aprile 2013), la legge per istituirla è stata approvata in via definitiva il 21 giugno 2017. È stata poi firmata da Mattarella il 12 luglio ed è entrata in vigore il 28 luglio. Da quel giorno i partiti si sarebbero dovuti mettere al lavoro per stabilirne rapidamente la composizione. I 40 commissari - 20 deputati e 20 senatori - sono nominati dai presidente delle Camere ma su indicazione dei gruppi parlamentari, e in proporzione alla consistenza dei gruppi stessi.

A due mesi e mezzo dal via libera definitivo alla legge, però, col calendario che galoppa verso la fine della legislatura (e con la manovra economica alle porte, su cui saranno concentrati riflettori e sforzi parlamentari), la commissione d'inchiesta sul sistema bancario non solo non ha ancora iniziato i suoi lavori, ma non ha nemmeno visto la luce. Colpa di Pd, Alternativa popolare e Autonomie. I tre gruppi di maggioranza in Parlamento non hanno ancora inviato a Laura Boldrini e Pietro Grasso i nomi dei propri componenti. Non sono mancati i solleciti, non solo dalle opposizioni (Cinque Stelle e il berlusconiano Brunetta i più attivi al riguardo): a fine luglio anche la presidente della Camera aveva invitato i partiti "insolventi" a risolvere in fretta lo stallo sui propri componenti.

Un sollecito caduto nel vuoto: la maggioranza non sembra avere alcuna intenzione di facilitare i lavori.

Esattamente il contrario di quanto dichiarato in pubblico dal segretario del Pd: "Commissione d'inchiesta sulle banche: non vediamo l'ora di iniziare per fare chiarezza fino in fondo". Firmato Matteo Renzi, 23 maggio 2017.

I capigruppo del Pd, Ettore Rosato e Luigi Zanda, interpellati ieri, rispondono con lo stesso, laconico messaggio: "Faremo i nomi nei prossimi giorni".

Nessuno dei due intende aggiungere altro. Rosato, oltretutto, non ritiene ci sia stata alcuna lentezza: "Nessun ritardo, tempi normali". Le pratiche che restano prima di avviare i lavori, peraltro, sono tutt'altro che concluse. Una volta nominati - finalmente - i 40 commissari, i presidenti di Camera e Senato avranno altri 10 giorni per convocare la prima seduta, nella quale si dovrà votare per eleggere l'ufficio di presidenza della bicamerale: due vice presidenti e due segretari scelti con scrutinio segreto.

Dopo bisognerà eleggere il presidente, il ruolo più delicato: se nessuno dei candidati dai partiti otterrà la maggioranza assoluta al primo scrutinio, sarà ballottaggio tra i due più votati. In teoria, per garbo istituzionale, le presidenze delle commissioni d'inchiesta si assegnano alle opposizioni. Il Partito democratico però in questo caso non ha nessuna intenzione di cederla: si litigherà ancora.

La lunghissima melina di chi "non vedeva l'ora di fare chiarezza" è stata efficacissima. Con la manovra in arrivo e la legislatura in scadenza (al più tardi) a marzo, una commissione che ha aspettato oltre 4 anni per essere varata, avrebbe un orizzonte di lavoro "vero" di poche settimane.
di Tommaso Rodano, da Il Fatto Quotidiano


Commenti

Inviato Lunedi 11 Settembre alle 17:10

Nelle conclusioni dei teoremi geometrici, dopo ipotesi, tesi, alla fine si concludeva con c.v.d. "come volevasi dimostrare". Acquisito il concetto, quando si vuole insabbiare qualcosa o allontanare la discussione si costituisce una Commissione d'inchiesta; così tra la ricerca del Presidente, dei Commissari, del carteggio, della votazione in aula, la consultazione dei Magistrati, le domande alla Banca d'Italia, .....passano anni, anzi lustri e tutto passa nel dimenticatoio..intanto "nessun dorma" ! Amen.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Lunedi 2 Ottobre alle 07:05 da kairos
In Sorato in BPVi faceva tutto all'insaputa di Gianni Zonin che, anche, nella Fondazione Roi faceva tutto all'insaputa di Achille Variati che in Comune, Provincia, Upi, Cdp... Solo la discontinuità salverà Vicenza!

Venerdi 15 Settembre alle 00:11 da zenocarino
In Processo Mose: Altero Mattioli condannato a 4 anni, assolti Lia Sartori e Giorgio Orsoni. Forza Italia difende Mattioli, M5S boccia la sentenza "soft" e le grandi opere... d'affari
Gli altri siti del nostro network