Quotidiano | Categorie: Fatti, Politica, Economia&Aziende

Crisi d'impresa, la sen. Rosanna Filippin (PD): "cancellato il termine fallimento. Più rispetto per la persona"

Di Note ufficiali Giovedi 12 Ottobre alle 12:07 | 0 commenti

ArticleImage

La senatrice del Pd Rosanna Filippin interviene in merito alla delega del governo sul tema della crisi d'impresa. "Non solo un cambio strutturale e principi chiari per le crisi d'azienda, ma anche un cambio di mentalità e prospettiva che guarda al rispetto della dignità delle persone. Nessuno potrà essere più apostrofato come fallito visto che finalmente viene cancellata la parola ‘fallimento', con il suo connotato umiliante, sostituita dal termine liquidazione giudiziale."

"Soprattutto - continua la nota - in un periodo di crisi del sistema come quella che ancora viviamo è un passaggio lessicale che assume un significato profondo e può aiutare chi già vive il peso delle difficoltà economiche o vede non andare a buon fine un progetto in cui credeLa disciplina di legge sulle crisi d'impresa è una materia estremamente delicata perché tocca in maniera concreta il tessuto produttivo del nostro paese, fatto di moltissime PMI. Per questo, dopo anni in cui la legge approvata nel 1942 veniva continuamente rivista con piccole modifiche, si è deciso di intervenire in maniera strutturale per individuare dei principi chiari che possano offrire la possibilità, a chi interpreta le norme, di avere dei principi di indirizzo. Principi adattabili a ogni contesto, sia in casi di crescita economica che di decrescita e che possano andare bene a tutte le parti: a chi ha necessità di tempi certi e a chi, come le imprese, ha il diritto di poter operare."

"Uno dei punti rilevanti di questa riforma - prosegue Filippin - è l'introduzione della procedura di allerta e di composizione assistita della crisi, che serve a far emergere in maniera tempestiva lo stato di crisi per chi non è in grado di adempiere alle proprie obbligazioni. Con l'obiettivo di far emergere anticipatamente la situazione di crisi, l'articolo 4 delega il Governo a introdurre questa procedura che potrà essere utilizzata come strumento stragiudiziale e confidenziale di sostegno alle imprese, diretto a una rapida analisi del malessere economico e finanziario dell'impresa."

"L'innovazione di questa legge però non comporterà solo l'introduzione dalla fase preventiva di allerta, ma anche un cambiamento strutturale e lessicale sul fallimento: nessuno potrà essere più apostrofato come fallito visto che scomparirà la parola "fallimento" sostituita dal termine "liquidazione giudiziale" e con essa la relativa procedura. Con questa legge - conclude la senatrice - diamo finalmente chiarezza e sostegno al sistema economico italiano nelle situazioni di crisi e difficoltà".

Leggi tutti gli articoli su: Pd, Rosanna Filippin

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Giovedi 14 Dicembre alle 20:41 da Barbara77
In Gianni Zonin fa così tanta scena muta in commissione d'inchiesta sulle banche che Casini prova a fare il suo ventriloquo

Giovedi 14 Dicembre alle 14:25 da Lucia
In La lettera di una socia di Veneto Banca per accelerare il "ristoro" ai risparmiatori truffati dalle banche venete
Leggendo la lettera di Flavia mi è venuto tornato alla mente l'articolo 47 della Costituzione, nel passaggio dove recita:

"La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme...".

Purtroppo, come molte altre volte succede in questo Bel Paese mal gestito, avviene il contrario.
La vicenda delle banche venete è purtroppo nota e non stanno nemmeno più in piedi gli alibi che vogliono colpevolizzare i soci ("se la sono cercata loro perché sapevano che era rischioso ... volevano fare gli squali e adesso piangono miseria ...") perché è stato dimostrato che non è così; il prezzo delle azioni è stato taroccato ed è una truffa bella e buona che le banche hanno fatto ai loro sottoscrittori.
Raggirati da funzionari bancari senza coscienza pilotati a loro volta dai direttori senza scrupoli, che sapevano benissimo di vendere azioni fuffa ... ma l'importante è vendere e far carriera (no?).
E via col valzer delle scuse del tipo "siamo una banca solida ... non abbiamo problemi etc".
Mentre si tentava di coprire la voragine bancaria con un fazzolettino di carta, Consob e Banca d'Italia si giravano dall'altra parte per non vedere.
Il finale vede trionfare le banche che hanno fatto lo "sforzo" di avere solo la parte sana.
Come se non bastasse, i funzionari "lupi" delle due banche si sono travestiti da "agnelloni" di Intesa San Paolo, e probabilmente continueranno a perdere il pelo ma non il vizio.
Tutto apposto dunque. No?
Direi che alla luce di questo non faccio fatica a credere alla lettrice quando dice "credere nella Giustizia è diventato molto, molto difficile, quasi impossibile". E' e rimane impossibile, cara Flavia.
Molto probabilmente in un altro Paese più civile la cosa avrebbe preso una piega diversa, a favore dei risparmiatori (penso ad es. alle class action, che da noi sono solo di facciata).

Credo purtroppo, cara Flavia, che la lettera inviata ai politici cada nel nulla.
Per il semplice motivo che se qualcuno avesse voluto davvero fare qualcosa PRIMA, l'avrebbe fatto.
Ora è troppo tardi. Ed è persino patetico che i politici si proclamino adesso paladini dei risparmiatori, a babbo morto.

Mi spiace infonderle amarezza Flavia, ma mi dica forse se non ne ho motivo.

Con augurio di poter essere smentito.

Lunedi 11 Dicembre alle 17:13 da Kaiser
In Migrazione dei clienti ex BPVi e Veneto Banca in Intesa Sanpaolo procede regolarmente per 1,5 milioni di conti correnti. Completata la chiusura di 118 filiali

Mercoledi 22 Novembre alle 11:49 da ANNUSCA
In Fondo per soci vittime di BPVi e Veneto Banca, il testo dell'emendamento proposto da Giorgio Santini con Laura Puppato ed altri e il commento positivo della senatrice trevigiana
Gli altri siti del nostro network