Quotidiano | Categorie: Economia&Aziende

Un socio della BPVi chiede: è vantaggioso il conto vincolato proposto oltre al ristoro? Le valutazioni Codacons e i calcoli VicenzaPiù

Di Risposte agli azionisti Mercoledi 15 Febbraio alle 16:58 | 0 commenti

ArticleImage

Ci arriva, come ormai avviene quasi quotidianamente, una lettera  all'indirizzo mail da noi riservato ai soci traditi dalla Banca Popolare di Vicenza, [email protected], a cui da tempo sottoponete ogni quesito a cui stiamo rispondendo, da cronisti, privatamente e, se utile a molti, anche su questo mezzo mantenendo l'anominato ove richiesto e purchè la domanda sia fatta con un nome e cognome. Questa lettera via mail è simile a tante altre ricevute in questi giorni dopo la proposta di transazione fatta a 94.000 soci della BPVi (9 euro ad azione per chi ha acquistato azioni nei dieci anni precedenti e fino al 31 dicembre 2016 oltre a una serie di proposte commerciali in cambio della rinuncia tombale ad ogni azione legale) e a 75.000 di Veneto Banca (15% del prezzo di acquisto eccetera eccetera).

Il lettore "prototipo" ci scrive: «ho cento azioni acquistate a 6.250 euro e faccio parte di una nutrita schiera di soci a cui è stato proposto il ristoro di 9 euro, quindi di 900 euro in tutto, ma mi è stato anche prospettata in filiale la possibilità di "investire" in un deposito vincolato a 10 anni e retribuito con un tasso del 5% netto quei 900 euro e magari anche una cifra maggiore, purchè non superiore complessivamente a 5 volte il rimborso, quindi al massimo 4.500 euro. potrei così, mi dicono, recupare più del 15% attuale. Cosa mi consigliate?»

Abbiamo girato la domanda al'avvocato Franco Conte, presidente di Codacons Veneto, che ci ha risposto così: «Intanto va premesso che non conviene aderire alla proposta minima di 9 euro per la BPVi (o del 15% per Veneto Banca) a chi ha particolari motivi documentati per dimostrare di essere puramente un risparmiatore e di aver acquistato azioni in assenza o carenza di informazioni sul rischio conseguente o addirittura in base a dati non veritieri. Per gli altri, le cui posizioni sarebbero poco difendibili, non vedo alternative concrete ad accettare i 9 euro. Se il lettore, così come gli altri che vi hanno scritto, rientra in questa categoria e se ha liquidi da investire, le valutazioni, del tutto personali, vanno fatte in quest'ambito: non c'è il rischio, almeno con le normative attuali, che il deposito vincolato posa essere "aggredito" in caso di futuri problemi della banca ((il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi garantisce fino ad euro 100.000 per ogni deposito) e i conteggi per la quantificazione del vantaggio vanno fatti confrontando il 5% netto proposto dalla BPVi e da Veneto Banca con i tassi oggi di mercato, che vanno decurtati del 26% di tassazione ma che potrebbero evolvere verso un aumento anche se è corretto valutare il tutto in base ai dati certi odierni».

VicenzaPiù, su questa base, ha fatto quindi un calcolo di minima e uno di massima.

1 - il socio che aderisce alla transazione ed accetta per 100 azioni 900 euro lascia quella cifra nel deposito proposto dalla banca al 5% e la raddoppia con altri 900 euro suoi  

2 - lo stesso socio aggiunge ai 900 euro i 3.600 euro suoi che portano il totale del deposito vincolato a 5 volte il ristoro ricevuto.

Nel primo caso il cliente riceve in 10 anni 900 euro di interessi lordi che, questo è il ragionamento proposto dalla Banca e da valutare da parte del cliente con qualche disponibilità, aggiunti ai 900 euro ricevuti come ristoro fanno 1.800 euro, il doppio della cifra ricevuta oggi e, quindi, un 30% del vecchio e virtuale valore delle azioni, che comuqnue rimangono in tasca ai proprietari.

Senza calcolare gli interessi minimali composti sui 90 euro maturati ogni anno e disponibili per glia nni successivi questi 1.800 euro vanno confrontati con i 900 euro che frutterebbe un deposito vincolato di 1.800 euro a un tasso che oggi si può trovare intorno al 2,5% ma sui quale va pagata una tassazione del 26% che ridurrebbe quei 900 euro a 666 euro che non si aggiungerebbero, però, ai 900 ricevuti cone ristoro.

Nel secondo caso il cliente riceve in dieci anni 2.250 euro di interessi netti più i 900 euro di ristoro: in totale fanno 3.150 euro a fronte dei 6.250 spesi per le vecchie azioni e a fronte di 1.125 euro meno il 26%, quindi 832,5 euro, che si otterrebbero in 10 anni con un deposito a tasso odierno e considerando che mancherebbero i 900 euro di "bonus" iniziale.

«È vero - commenta Franco Conte - che per "recuperare" 1.800 o 3.150 euro dei 6.250 pagati da anni bisogna avere la disponibilità di 900 o 3.600 euro da aggiungere al ristoro e che per far rimarginare in parte le ferite serviranno 10 anni, ma la strada apapre vantaggiosa per quelli che, ripeto, non hanno motivi documentati o documentabili per aspirare credibilmente a cifre più eque di quelle proposte dalle due ex Popolari».


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Lunedi 2 Ottobre alle 07:05 da kairos
In Sorato in BPVi faceva tutto all'insaputa di Gianni Zonin che, anche, nella Fondazione Roi faceva tutto all'insaputa di Achille Variati che in Comune, Provincia, Upi, Cdp... Solo la discontinuità salverà Vicenza!

Venerdi 15 Settembre alle 00:11 da zenocarino
In Processo Mose: Altero Mattioli condannato a 4 anni, assolti Lia Sartori e Giorgio Orsoni. Forza Italia difende Mattioli, M5S boccia la sentenza "soft" e le grandi opere... d'affari
Gli altri siti del nostro network