Quotidiano | Categorie: Economia&Aziende

Carlo Messina su passato e futuro di BPVi e Veneto Banca: ecco come aiuteremo risparmiatori e imprenditori vergognosamente truffati

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile) Martedi 10 Ottobre alle 16:35 | 0 commenti

ArticleImage

Carlo Messina, Ceo gruppo Intesa Sanpaolo che ha inglobato la parte attiva e i dipendenti delle due banche venete poste in liquidazione coatta amministrativa, la Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, sta incontrando, mentre scriviamo questo lancio a cui seguirà il video completo dell’incontro, la stampa nazionale e locale presso Palazzo Leone Montanari, suo storico presidio d’immagine a Vicenza. Dopo aver più volte pronunciato, ci sembrava con sincerità, la parola “vergogna” nei confronti delle precedenti gestioni è quella di “truffati” rivolta ai soci delle due ex popolari ha annunciato le azioni che il gruppo attuerà. 

A proposito dei dipendenti Messina ricorda di averne salvati 3.000 con l'intervento di sistema, per le aziende annuncia che non verranno ridotti gli affidamenti multipli mentre per 30.000 famiglie, tra cui 2.000 addirittura ultra ottantenni, che, ha sottolineato con “disgusto”, hanno subiro una truffa vergognosa e che hanno un reddito inferiore a 30.000 euro e un patrimonio di meno di 15.000 euro, sono destinati 100 milioni di euro in 5 anni.

Il resto a seguire integralmente.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Lunedi 2 Ottobre alle 07:05 da kairos
In Sorato in BPVi faceva tutto all'insaputa di Gianni Zonin che, anche, nella Fondazione Roi faceva tutto all'insaputa di Achille Variati che in Comune, Provincia, Upi, Cdp... Solo la discontinuità salverà Vicenza!

Venerdi 15 Settembre alle 00:11 da zenocarino
In Processo Mose: Altero Mattioli condannato a 4 anni, assolti Lia Sartori e Giorgio Orsoni. Forza Italia difende Mattioli, M5S boccia la sentenza "soft" e le grandi opere... d'affari
Gli altri siti del nostro network