Quotidiano | Categorie: Politica

L'astensione al referendum veneto dei socialisti di Nencini e Fantò tra contraddizioni e mancata... Vigilanza sulle banche venete

Di Mario Giulianati Lunedi 4 Settembre alle 09:30 | 1 commenti

ArticleImage

La posizione (espressa di recente nel direttivo regionale socialista del Veneto, presieduto dal segretario Luca Fantò) sul referendum sull'autonomia dei socialisti veneti, quelli che riconoscono nell'on. Riccardo Nencini il loro Segretario nazionale, è sotto il profilo della tecnologia politica di un qualche interesse. La precisazione relativa ai socialisti "nenciniani" è d'obbligo perché di socialisti ve ne sono tanti altri che non militano in nessuna altra formazione politica, oppure lo fanno all'interno di Movimenti e Partiti, vedi Forza Italia, che poco hanno da spartire con gli alleati del PD. I socialisti nenciniani veneti hanno deciso di astenersi nel referendum, come altri soggetti politici.

L'astensione non è che uno dei metodi di espressione del voto, però in questo caso se non si è d'accordo con il dispositivo referendario trovo più incisivo il voto contrario. Non mi pongo in contrasto con le motivazione del NO o dell'astensione, ma ritengo che oltre alle motivazioni indicate dai sostenitori del SI si possa ritenere che alla fin fine un voto ampio sul Sì rappresenti anche una boccata di ossigeno per i cuori veneti, magari l'illusione di riuscire a prendersi una soddisfazione, cosa che aiuta soprattutto dopo le delusioni in buona parte pervenute anche dai vertici dello Stato sulla questione della deflagrazione delle Popolari venete.

Oggi tutti si danno da fare per organizzare convegni chiarificatori. Uomini di Governo, e anche rappresentanti autorevoli delle opposizioni si spostano nel Veneto per spiegare quanto hanno fatto di buono per "salvare" le nostre banche, la Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Verbo utilizzato questo "salvare" che suona un po' come un tentativo, non riuscito a mio avviso, di lenire, in grande ritardo, la ferita veneta. Anche perché i veneti, quelli doc e quelli che nel Veneto sono giunti da lontano e vi operano alacremente, solitamente si curano da soli. Purtroppo tutto questo in contemporanea alla cura da cavallo riservata al Monte dei Paschi di Siena.

Non mi sembra proprio che le Popolari venete siano state salvate visto poi che sono in liquidazione. Il buon gusto vorrebbe che almeno non si raccontassero delle favole. Torno al referendum. Dicono i socialisti nenciniani che metteranno in luce le "tante bugie" messe in giro a sostegno del Sì. Di "tante" ne citano due. Riprendo da VicenzaPiù del 2 c.m. il testo delle due presunte bugie.

La prima "1. Non ci sarà né riduzione delle tasse né tantomeno una ripartizione più vantaggiosa dei tributi a vantaggio dei cittadini veneti. La costituzione lo vieta." In Verità l'art. 119 non dice proprio questo. Anzi. Mentre l'art. 120 rimanda alle leggi la potestà di definire le ripartizioni. E le leggi le fa il Parlamento e come le fa le può anche modificare.

La seconda "2. Il referendum non può modificare in alcun modo le procedure previste dalla Costituzione per ottenere un livello più alto di autonomia. Dovranno comunque essere consultati gli enti locali e andrà comunque aperto un tavolo con il governo italiano." Vi è una netta contraddizione in termini nella dichiarazione dei socialisti nenciniani. Prima si sostiene che il referendum non può modificare le procedure e poi si aggiunge che comunque potrà essere aperto un tavolo con il governo italiano previa consultazione degli enti locali. E il referendum è una consultazione ancor più estesa perché è chiamata la gente, tutta, a esprimere la propria opinione in merito.

Alla fine del loro comunicato i socialisti nenciniani dicono che è un modo troppo costoso per ascoltare l'opinione dei cittadini. Per ascoltare la voce del popolo (un tempo si diceva "voce del popolo voce di Dio") si può anche spendere del denaro. Certo che il denaro pubblico necessita di particolare attenzione ma questo denaro è sempre molto ma molto meno di quanto questa Regione Veneto ha perso per l'incuria e la disattenzione di coloro che dovevano vigilare e comunicare alla gente i risultati di una Vigilanza di Banca d'Italia dalla quale si scopre tutto (forse) a piatti lavati e tasche svuotate. In questa ottica, visto che ai vertici mi pare che sieda nella stanza dei bottoni anche il segretario nazionale PSI e vice ministro Riccardo Nencini, un briciolo di responsabilità, politica almeno, credo che l'abbia anche lui.


Commenti

Inviato Lunedi 4 Settembre alle 17:36

Ci sono i socialisti del PD, quelli di FI, quelli di SI/SEL, quelli di Fratelli d'Italia, quelli del PDCI e quelli in RC e del PSI...e quelli della CGIL, della CISL, della UIL...e quelli della bocciofila di largo Turati e del dopolavoro INPS....? Forse il termine non riflette più i valori che rappresenta e diventa una medaglia che chiunque, impropriamente, può appuntarsi al petto.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Lunedi 2 Ottobre alle 07:05 da kairos
In Sorato in BPVi faceva tutto all'insaputa di Gianni Zonin che, anche, nella Fondazione Roi faceva tutto all'insaputa di Achille Variati che in Comune, Provincia, Upi, Cdp... Solo la discontinuità salverà Vicenza!

Venerdi 15 Settembre alle 00:11 da zenocarino
In Processo Mose: Altero Mattioli condannato a 4 anni, assolti Lia Sartori e Giorgio Orsoni. Forza Italia difende Mattioli, M5S boccia la sentenza "soft" e le grandi opere... d'affari
Gli altri siti del nostro network